Se qualcuno parla l’inglese meglio di te, come puoi reagire?

Qual è la tua reazione quando trovi qualcuno che fa qualcosa meglio di te? Come reagisci?

Ti butti giù oppure cerchi un qualcosa su cui criticare quella persona e dici per esempio “Ma lui ha tutto il tempo che vuole per farlo” oppure “Dai, lì ha sbagliato, però!” Oppure ancora diventi green with envy (=verde dall’invidia) perchè lui è bravo e tu no? O reagisci in modo diverso?

Di sicuro c’è un modo migliore e più produttivo di reagire, rispetto a quello che ti ho appena descritto. Eppoi, lascia che te lo dica, ma credo che tutti noi siamo culturalmente condizionati a credere che dobbiamo competere ad ogni costo con gli altri…
Come sarebbe invece il mondo se tu competessi solo con te stesso (o con te stessa)? Te lo sei mai chiesto?

Se così fosse, forse le partite di calcio non sarebbero così emozionanti per alcuni e molti sarebbero delusi… Ma lascia stare per un po’ il calcio (se puoi;-) e concentrati  su quello che stai per leggere [o ascoltare].

Pensa ad una qualsiasi situazione di apprendimento, di sport, di vita quotidiana nella quale puoi o devi confrontarti con qualcun altro. Cosa succede? Come ti comporti? Cerchi di ostacolare gli altri? O ti fossilizzi solo su alcuni punti della tua preparazione, in modo tale da superare solo  quella sfida? Qualunque sia la tua risposta, lascia che ti dica che è normale. Non credo che molti ci abbiano detto che c’è un modo migliore di comportarsi.

mappa-reactions-m2

A questo punto, immagina di essere un altleta e di voler vincere una gara che si svolgerà con determinati concorrenti che tu conosci già e di cui conosci le possibilità. Sai per certo che gli altri sette concorrenti possono correre quel percorso in 4 minuti, non un secondo in meno. E allora ti concentri sul correre il percorso in 3 minuti e 59 secondi. La cosa che non puoi sapere è che almeno uno degli altri concorrenti, chiamiamolo Giulio, si è messo a competere con se stesso, perciò si sta allenando a migliorare i suoi tempi giorno dopo giorno, magari di poche frazioni di secondo al giorno. E sta migliorando costantemente. Perciò il giorno della gara tu fai il percorso  concentrandoti sull’obiettivo che ti eri prefissato e quindi lo percorri in 3 minuti e 59 secondi. Ma Giulio corre con passione, con gioia, non curandosi né di te, né degli altri e vince la gara in 3 minuti e 57 secondi. Ma anche se non l’avesse vinta, sarebbe stato ugualmente felice del suo miglioramento e avrebbe continuato a migliorare giorno dopo giorno. Mentre tu saresti…

Ho letto un po di tempo fa di Kurt Hahn, un educatore di grande influenza, il quale ha creato delle scuole in cui, tra gli altri principi, c’era anche quello della competizione con se stessi“Gli studenti venivano incoraggiati a competere non l’uno contro l’altro, ma con il loro miglior risultato personale e con dei rigorosi standard di eccellenza”.

La cosa importante di questo concetto è che competendo con se stessi, se tu hai un lieve miglioramento quotidiano in ciò che fai, ne sei  felice!

Quindi se tu il giorno prima per esempio conoscevi solo 100 parole di inglese e oggi ne conosci 101, devi esserne felice! Se fino a ieri parlare al passato ti veniva difficile o da oggi in poi è una passeggiata, devi esserne felice!
Non ha alcuna importanza se Giulio (o qualsiasi altra persona) sia più veloce di te a imparare l’inglese o qualsiasi altra cosa. Ciò che importa è che tu stia migliorando giorno dopo giorno e… Devi esserne felice. Perciò, non puoi imparare una lingua facendo del percorso di apprendimento un momento di competizione con gli altri, tutt’al più puoi cooperare con gli altri per ottenere un risultato ancora migliore di quello che potresti ottenere da solo.

Quindi, se incontri qualcuno migliore di te in quello che vuoi fare, c’è un modo migliore per reagire, diverso da quello descritto all’inizio dell’articolo… Magari potresti unire il concetto della competizione con se stessi a quello dell’imparare dalla persona più brava. Cosa fa quella persona che potresti fare anche tu? Ma attenzione, non si tratta di imitare o di copiare la persona più brava, ma semplicemente di imparare ciò che c’è da imparare e poi proseguire sulla propria personale strada di miglioramento, con l’inglese e con ogni altra cosa che tu voglia imparare.

Credo che questi concetti possano essere utili sia per chi impara una lingua straniera in una scuola, sia per chi studia da solo. Per queste ragioni, quando incontro (via internet o nel mondo reale) delle persone da cui c’è molto da imparare, sono curioso di sapere come fanno a fare le cose che fanno. Una delle persone che mi ha favorevolmente colpito è Luca Lampariello, il noto poliglotta italiano, di cui ti ho parlato in un altro post. Se non lo conosci ancora, (e forse sei uno dei pochi che non lo conosce;-) devi sapere che Luca parla almeno 10 lingue ad un livello avanzato. Ora, io non ho nei miei programmi prossimi quello di diventare un iperpoliglotta, ma da qualche anno mi interesso a tutto ciò che è apprendimento, perciò se Luca mette a nudo il suo modo di imparare, voglio imparare da lui, per me e per chi tramite me impara qualcosa. Perciò ho acquistato la sua master class, di fresca pubblicazione. [ Purtroppo non è più disponibile. Ci sono delle valide alternative dello stesso autore ai seguenti indirizzi: http://goo.gl/YkVupM e   http://master-any-language.com/ ] . Nonostante sia in due lingue (in inglese con traduzione consecutiva in russo) e questo può disturbare un pochino chi ne capisce solo una delle due, le informazioni in essa contenute sono un tesoro per chiunque abbia a che fare con l’apprendimento delle lingue e con l’apprendimento o l’insegnamento in generale. Stiamo vivendo una rivoluzione dell’apprendimento negli ultimi anni e dobbiamo aprirci alla possibilità di imparare in modi nuovi, diversi e anche divertenti… E Luca spiega come, dopo il periodo iniziale in cui devi farti le basi nella lingua, puoi creare i tuoi personalissimi materiali di apprendimento: imparando la lingua tramite ciò che veramente ti interessa,  ti ispira e ti diverte. Nel video qui sotto puoi mettere alla prova il tuo inglese (e il tuo russo) per scoprire how to learn a foreign language: methods and principles!

Nel libro “Unlimited – The new learning revolution and the seven keys to unlock it” (che ho letto appena pubblicato quattro anni fa) mi ha colpito molto l’affermazione degli autori secondo cui quando vuoi imparare qualcosa da solo, “non cominciare con i libri di testo accademici.  Nell’area di tuo interesse, trova i tre migliori libri scritti da persone che ce l’hanno fatta.”  Nonostante non abbia (ancora) scritto un libro, Luca ce l’ha fatta sicuramente e perciò rientra a pieno diritto tra le persone da cui imparare come imparare una lingua straniera.

Voglio fare una piccola precisazione sul mondo accademico prima di chiudere, però.  Ho assistito pochi giorni fa a una presentazione sul plurilinguismo tenuta dalla dottoressa Clelia Capua, dell’universtità Ca’ Foscari (nell’ambito dell’eccellente progetto formativo “Un mondo d’italiano“) e devo proprio dirti che qualcosa sta cambiando anche nel mondo accademico… Ma questa è un’altra storia (e forse ne parlerò in un altro post!)

Ma tu dimmi…Cosa risponderesti ora se ti chiedessi di nuovo:
Qual è la tua reazione quando trovi qualcuno che fa qualcosa meglio di te?  😉

Buon divertimento con l’inglese e con l’apprendimento in generale!

-Ciao da Antonio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ispirational e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Se qualcuno parla l’inglese meglio di te, come puoi reagire?

  1. nickp1992 ha detto:

    Reblogged this on Lo studente atipico and commented:
    Un parere intéressante sull’apprendimento e sulla competizione! Io ne presi qualche consiglio utile…

  2. Pingback: If someone speaks Italian better than you, how can you react? | Speak Italian Magically!

  3. driuorno ha detto:

    L’ha ribloggato su BABAJI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...